Archive

Archive for the ‘Dono’ Category

Buon compleanno AIDO!

febbraio 26, 2017 Lascia un commento

 

Oggi l’AIDO compie 44 anni.

Le prima fasi dell’associazione si sovrapposero con l’inizio dei trapianti in Italia, trapianti che all’epoca si potevano solo fare per i reni.

Qui potete trovare la storia di questa associazione.

Compiti dell’Associazioni sono:

  1. promuovere la donazione di organi, tessuti e cellule;
  2. promuovere la conoscenza di stili di vita sani atti a prevenire l’insorgere di patologie che possono richiedere come terapia il trapianto;
  3. provvedere ad ottenere dichiarazioni di volontà favorevoli alla donazione.

Nel 2016, ci sono stati 579 trapianti, un più 15% rispetto il 2015, con un più 17% di donatori. In Veneto, anche grazie alla partenza del progetto “Una Scelta in Comune“, c’è stato un aumento di 17.000 iscrizioni all’AIDO con solo 13% dei comuni partiti.

Gli organi che possono essere donati sono: i reni, il cuore, il fegato (che viene diviso in due), il pancreas, i polmoni e l’intestino. Ci sono poi i tessuti come la cornea e le cellule come le staminali dal cordone ombelicale. Non esistono limiti d’età, come invece succede per la donazione del sangue, ma si guarda soltanto la funzionalità dell’organo.

Il trapiano è una terapia salva vita!

La volontà alla donazione può essere modificata in qualsiasi momento e vale l’ultima volontà manifestata in senso cronologico. Per i minorenni, è necessario il sì di entrambi i genitori.

Il gruppo AIDO di Concordia Sagittaria, intitolato alla prima concordiese donatrice di organi Marina Perulli, si costituisce nel lontano 1983.

Dal primo Novembre 2016, anche a Concordia Sagittaria è partito il progetto “Una Scelta in Comune”. Con questa possibilità, al ritiro o al rinnovo delal carta d’identità, c’è la possibilità di esprimere la propria disponibilità alla donazione d’organi. In questo modo le iscrizioni all’AIDO aumenteranno di sicuro!

Se ancora non siete iscritti, iscrivetevi all’AIDO. Così facendo compirete un gesto davvero nobile ed altruista!

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

La Sindone: il messaggio dell’Uomo dei dolori

aprile 27, 2015 Lascia un commento

 

La Sindone è una finestra aeprta sul mistero. È il segno della sofferenza e al tempo stesso di un Uomo. Da sempre è stata vista come un pegno prezioso che il Signore ha lasciato sulla terra in ricordo della sua Passione, morte e risurrezione. Nei secoli è stata oggetto di grande devozione, perché ha toccato e conservato il Corpo di Cristo, è stata bagnata dal suo sangue, dalle sue lacrime. La Sindone è un messaggio che Dio rivolge a ciascuno di noi.

È un invito a rileggere i vangeli della Passione per riscoprire nella sua drammaticità la sofferenza dell’Uomo dei dolori, del Giusto per eccellenza. Nelle pieghe di questo lenzuolo, l’uomo ritrova se stesso, il senso della sua esistenza, la ragione della vita e la sua vocazione di figlio di Dio destinato alla gloria.

La Sindone insegna anche il rispetto per il corpo, per la sua dignità troppe volte offesa e negata.

Quest’anno si tiene un’ostensione solenne del sacro lino. Data l’importanza dell’appuntamento, Domenica 21 Giugno, nelal cattedrale di Torino, sarà presente Papa Francesco per l’ostensione della Sindone, che terminerà il 24 Giugno 2015, solennità di san Giovanni Battista, patrono dell’arcidiocesi. Un secondo motivo della visita del Papa a Torino è il bicentenario della nascita di don Giovanni Bosco, patrono dei giovani.

Nicola Gori

La Domenica 19 Aprile 2015

Categorie:Amore, Dono

Decalogo del buon donatore

agosto 24, 2013 Lascia un commento

img047Dieci buoni motivi per donare sangue…

 

1 Tutti, un domani, potremmo avere bisogno di sangue;

2 Il sangue non è riproducibile in laboratorio… solo l’uomo ne è la fonte;

3 La donazione è un atto di grande responsabilità e solidarietà;

4 Non è difficile ed impegna 10 minuti del proprio tempo;

5 La donazione di sangue è un gesto salvavita…

6 … o semplicemente potrebbe migliorare lo stato salute di qualcuno;

7 È un aiuto verso il prossimo e al contempo provoca in noi un piacevole stato di  benessere;

8 Consente di tenere sotto controllo il proprio stato di salute attraverso le visite e gli esami periodici necessari per confermare l’idoneità;

9 Permette di fronteggiare situazioni di emergenza;

10 Contribuisce all’autosufficienza trasfusionale in Italia, evitando le importazioni.

 

Per maggiore informazioni consultate il sito dell’AVIS Nazionale www.avis.it.

Categorie:AVIS, Dono, Sangue

Give the gift of life, donate blood!

giugno 14, 2013 Lascia un commento

Oggi si celebra nel mondo l’ottava giornata mondiale del donatore di sangue, giornata voluta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, per diffondere in maniera sempre più capillare il dono volontario, periodico e anonimo del sangue nel mondo intero. Questo perché ogni anno nel mondo vengono effettuate 92 milioni di donazioni di sangue. Quasi il 50% di queste avviene nei Paesi sviluppati, dove si concentra solo il 15% del totale della popolazione mondiale (fonti OMS).

È stato scelto il 14 Giugno perché in questo stesso giorno di 145 anni fa nasceva a Vienna Karl Landsteiner, il medico che scoprì i gruppi sanguigni, scoperta che gli valse il Premio Nobel per la Medicina nel 1930.

Lo slogan scelto per quest’anno è ‘Give the gift of life, donate blood’, ovvero ‘Donate il dono della vita, donate il sangue’, slogan che riassume in pochissime parole il perché milioni di persone in tutto il mondo donano sangue e s’impegnano nella diffusione di quest’atto d’amore.

Le principali manifestazioni internazionali si terranno a Parigi e saranno organizzate dall’ Etablissement Français du Sang, l’ente responsabile della raccolta di sangue ed emoderivati in Francia.

Anche l’AVIS, l’Associazione Italiani Volontari Sangue,scende in campo con manifestazioni che si tengono su tutto il territorio nazionale con lo scopo di ringraziare chi già compie questo gesto di grande solidarietà e coinvolgere un numero sempre maggiore di persone.

Sono diventata donatrice di sangue a 18 anni, seguendo l’esempio di mio padre e vi posso assicurare che donare il sangue è un gesto che non costa nulla ma che salva delle vite! Invito, quindi, chi ancora non lo è a diventare donatore di sangue!

WHO: More voluntary blood donors needed

World Blood Donor Day1 e World Blood Donor Day 2

Alcuni links utili: AVIS

FIODS (Federazione Internazionale delle Organizzazioni dei Donatori di Sangue)

Categorie:AVIS, Dono, Sangue, Vita

Donare è la chiave della vita!

settembre 16, 2012 2 commenti

Categorie:Dono

Un gesto d’amore

ottobre 20, 2011 Lascia un commento

Oggi vi voglio parlare un po’ dell’A.I.D.O., ovvero dell’Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule e della donazione degli organi.

Questa Associazione, nata il 26 Febbraio 1973 a Bergamo, ha come scopo principale la promozione, in base al principio della solidarietà sociale, la cultura della donazione di organi, tessuti e cellule; la promozione della  la conoscenza di stili di vita atti a prevenire l’insorgere di patologie che possano richiedere come terapia il trapianto di organi; e provvede, per quanto di competenza, alla raccolta di dichiarazioni di volontà favorevoli alla donazione di organi, tessuti e cellule post mortem.

Per alcune patologie la donazione degli organi è l’unico modo di guarigione quindi è davevro importante che si superino le paure e ci si iscriva all’A.I.D.O. Donare gli organi dopo la propria morte, quindi, è un gesto di grandissima responsbailità e di amore verso il prossimo che soffre. Dobbiamo farci carico delle sofferenze degli altri e questo è un modo ottimo per farlo.

I trapianti di organi e tessuti sono una delle dimostrazioni più rilevanti del progresso della medicina nella cura di un grande numero di malattie mancano però i donatori, quindi tutti noi dobbiamo sentirci coinvolti!

In Italia esiste anche il Centro Nazionale per i Trapianti che ha il compito di tenere le liste delle persone in attesa di trapianto, di fissare i critieri e di procedere all’assegnazione degli organi con particolare riferimento alle urgenze, di stabilire il fabbisogno nazionale e le linee guida per i Centri Regionali. Il Centro svolge le sue funzioni con il sostegno della Consulta tecnica permanente per i trapianti di cui l’A.I.D.O. fa parte, che ha il compito di predisporre gli indirizzi tecnico – operativi per lo svolgimento delel attività di prelievo e di trapianto. Insieme a questi 2 organismii vengono istituiti i Centri regionali o interregionali per i trapianti, che hanno il compito di coordinare la raccolta, la trasmissione dei dati delle persone in attesa di trapianto, i rapporti tra centri di rianimazione e le strutture per i prelievi e i trapianti e di procedere all’assegnazione degli organi sulla base dei criteri fissati dal Centro Nazionale.

Chi può diventare donatori di organi? I donatori di organi sono persone di qualunque età che muiono in ospedale nelle Unità di Rianimazione, a causa di una lesione irreversibile al cervello (emoraggia, trauma cranico, aneurisma, ecc) o di un prolungato arresto cardiaco, accertato tramite elettrocardiogramma per almeno 20 minuti, che abbiano prodotto la totale distruzione delle cellule cerebrali causando la morte del paziente per irreversibile e completa cessazione dell’attività cerebrale. Tutti gli organi sono prelevabili. In presenza di malattie infettive trasmissibili, l’idoneità dell’organo al trapianto è scrupolosamente valutata dai medeici con specifici esami. In qualche caso, la malattia di uno o più organi non pregiudica l’utilizzazione di altri organi o tessuti per il trapianto.

Quando avviene la donazione? Quando sia stata accertata e documentata la morte encefalica o morte cerebrale, stato definitivo e irreversibile. L’accertamento e la certificiazione di morte sono effettuati da un collegio di 3 medici (medico legale, anestesista – rianimatore, neurofisiopatologo) diversi da chi ha constatato per primo la morte e indipendenti dall’équipe che effettuerà il prelievo e trapianto. Questi medici accertano la cessazione totale e irreversibile di ogni attività del cervello per un periodo di osservazione non inferiore a 6 ore consecutive per gli adulti e i bambini in età superiore a 5 anni; non inferiore alle 12 ore consecutive per i bambini di età compresa tra 1 e 5 anni e non inferiore alle 24 ore consecutive nei bambini di età inferiore ad un anno.

Questa è una brevissima presentazione dell’A.I.D.O. e della donazione degli organi. Se pensate che possa fare per voi contattate la sezione A.I.D.O. più vicina a voi e iscrivetevi!

Categorie:A.I.D.O., Dono, Organi

Eucarestia cibo del Cielo

giugno 26, 2011 Lascia un commento

Oggi la preghiera e la riflessione dei credenti si concentra sul mistero dell’Eucaristia, che è il simbolo dell’infinito amore che Dio prova per ciascuno di noi.

Al centro della nostra vita c’è il ignore Gesù, vero cibo e bevanda per il popolo che cammina verso la Gerusalemme celeste.

Il mistero ci attrae e stimola la nostra memoria: Lui si è donato a noi, si è offerto per noi, mentre veniva rifiutato, disprezzato e ucciso.

La presenza ci conforta e ci incoraggia: nessuno è solo se spalanca il cuore per accoglierlo.

È per noi medicina perché ci rende simili a Lui, guarendo le nostre paure e debolezze.

È per noi sorgente di comunione e di fraternità.

Ci strappa dall’egoismo e ci fa gustare la vita eterna.

Categorie:Dono, Eucarestia, Festa
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: