Archivio

Archive for the ‘Compleanno’ Category

Buon compleanno AIDO!

febbraio 26, 2017 Lascia un commento

 

Oggi l’AIDO compie 44 anni.

Le prima fasi dell’associazione si sovrapposero con l’inizio dei trapianti in Italia, trapianti che all’epoca si potevano solo fare per i reni.

Qui potete trovare la storia di questa associazione.

Compiti dell’Associazioni sono:

  1. promuovere la donazione di organi, tessuti e cellule;
  2. promuovere la conoscenza di stili di vita sani atti a prevenire l’insorgere di patologie che possono richiedere come terapia il trapianto;
  3. provvedere ad ottenere dichiarazioni di volontà favorevoli alla donazione.

Nel 2016, ci sono stati 579 trapianti, un più 15% rispetto il 2015, con un più 17% di donatori. In Veneto, anche grazie alla partenza del progetto “Una Scelta in Comune“, c’è stato un aumento di 17.000 iscrizioni all’AIDO con solo 13% dei comuni partiti.

Gli organi che possono essere donati sono: i reni, il cuore, il fegato (che viene diviso in due), il pancreas, i polmoni e l’intestino. Ci sono poi i tessuti come la cornea e le cellule come le staminali dal cordone ombelicale. Non esistono limiti d’età, come invece succede per la donazione del sangue, ma si guarda soltanto la funzionalità dell’organo.

Il trapiano è una terapia salva vita!

La volontà alla donazione può essere modificata in qualsiasi momento e vale l’ultima volontà manifestata in senso cronologico. Per i minorenni, è necessario il sì di entrambi i genitori.

Il gruppo AIDO di Concordia Sagittaria, intitolato alla prima concordiese donatrice di organi Marina Perulli, si costituisce nel lontano 1983.

Dal primo Novembre 2016, anche a Concordia Sagittaria è partito il progetto “Una Scelta in Comune”. Con questa possibilità, al ritiro o al rinnovo delal carta d’identità, c’è la possibilità di esprimere la propria disponibilità alla donazione d’organi. In questo modo le iscrizioni all’AIDO aumenteranno di sicuro!

Se ancora non siete iscritti, iscrivetevi all’AIDO. Così facendo compirete un gesto davvero nobile ed altruista!

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Happy B-day Great and Brave Soldier!!!

agosto 28, 2012 Lascia un commento

Categorie:Compleanno, Israele

Auguri Inter!

marzo 10, 2012 Lascia un commento

Ieri, l’Internazionale F.C. di Milano ha compiuto 104 anni. Anche se in ritardo voglio fare gli auguri alla mia squadra di calcio del cuore.

Così il sito internet della società descrive la sua nascita: “Nata di marzo. Femmina, diversa, unica. Nata da un atto di rivolta, una ribellione calcistica che si ritroverà lungo tutta la sua storia più che centennale. Nata in un ristorante, nel centro di Milano, un locale che allora – era il 1908 – radunava gli intellettuali della città. Era la sera del 9 marzo.

La sera del 9 marzo 1908, un gruppo di dissidenti del Milan Cricket and Football Club decide di fondare una nuova società. Alla base della scelta l’insoddisfazione e la voglia di lavorare con criteri diversi, meno rigidi. È così che inizia la storia dell’Inter o, per essere precisi, del Football Club Internazionale di Milano. I soci fondatori sono il pittore Giorgio Muggiani, Boschard, Lana, Bertolini, Fernando De Osma, Enrico, Carlo e Arturo Hinterman, Pietro Dell’Oro, Ugo e Hans Rietman, Voelkel, Maner, Wipf e Carlo Ardussi. E’ la preistoria del calcio, c’è incertezza su molti particolari, la stessa grafia dei nomi Maner e Rietman è dubbia. Certa, invece, la nomina del primo presidente, Giovanni Paramithiotti, veneziano di nascita, mentre il pittore Muggiani assume la carica di segretario e inventa lo stemma: le sigle “FCIM” intrecciate in campo oro, chiuso da due cerchi, uno nero e uno azzurro, i colori della notte e del cielo.

Nel 1909 Ettore Strass subentra a Paramithiotti. Poi la presidenza passa a Carlo De Medici e, nel 1910, arriva il primo scudetto, strappato alla Pro Vercelli dopo un velenoso spareggio. La formazione: Campelli; Fronte, Zoller; Yenni, Fossati, Stebler; Capra, Peyer, Peterly, Aebi, Schuler. Allenatore Virgilio Fossati. Nomi di eroi in bianco e nero, con indumenti sportivi molto vicini a quelli civili dell’epoca, protagonisti su campi spelacchiati, in stadi difficili da immaginare oggi. I giornali dell’epoca concedevano poco spazio al calcio. Gli ha reso onore la storia più della cronaca.”

Se volete continuare a leggere la storia di questa grande società potete farlo qui.

Categorie:Compleanno, Inter

Buon compleanno America!

luglio 4, 2011 Lascia un commento

“Noi riteniamo che sono per se stesse evidenti queste verità: che tutti gli uomini sono creati eguali; che essi sono dal Creatore dotati di certi inalienabili diritti, che tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità; che per garantire questi diritti sono istituiti tra gli uomini governi che derivano i loro giusti poteri dal  conenso dei governati; che ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo tende a negare questi fini, il popolo ha diritto di mutarla o abolirla e di istituire un nuovo governo fondato su tali principi e di organizzare i poteri nella forma che sembri al popolo meglio atta a procurare la sua Sicurezza e la sua Felicità” dalla Dichirazione d’Indipendenza americana

Oggi celebriamo la nascita del più grande Paese che esista sulla faccia della Terrà: gli Stati Uniti d’America. Anche se non sono americana voglio, almeno idealmente, unirmi ai festeggiamenti perché amo davvero tanto questa splendida nazione.

La nascita degli Stati Uniti d’America si può considerare un vero e proprio miracolo: uno sparuto gruppo di uomini e donne, spinto da un irrefrenabile desiderio di Libertà, riesce a sconfiggere quella che allora era la nazione più potente al mondo, dando così via ad uno straordinario esperimento che, seppur con alti e bassi, dura tutto’ora.

Ho sempre considerato gli Stati Uniti e gli statunitensi una nazione e un popolo davvero speciali e unici al mondo, e questo lo dico davvero con profonda ammirazione e anche con un pizzico di invidia.

Amo questo popolo indipendente e generoso, che non si arrende mai.

Basti pensare agli uomini e alle donne che indossando l’uniforme di quello che considero l’esercito più forte al mondo: persone che volontariamente offrono parte della loro vita in difesa del loro Paese, molto spesso donando la loro vita.

In questo momento gli States stanno vivendo un momento difficile della loro storia, ma sono sicura che ne usciranno più forti di prima!

Concludo con un sincero “Buon compleanno America!”

Categorie:America, Compleanno

9 marzo: perchè noi siamo fratelli del mondo


Voglio celebrare il 103° compleanno dell’Internazionale F.C. proponendovi questo bel pezzo:

MILANO – Com’eravamo? All’inizio, un gruppo di signori in bianco e nero, italiani e un po’ svizzeri. Allora lo svizzero era uno straniero, anzi un emigrante e Milano era una promessa di futuro. Parlavamo di calcio, come adesso, c’era il Milan, come ora, ma non volevamo averci a che fare. In quella sera del 9 marzo 1908, ci eravamo ritrovati a cena al ristorante, vicino al Duomo, c’era il pittore Muggiani, ci fece vedere lo stemma, nero, azzurro e d’oro.

Pensavamo che si potesse giocare a calcio, al football inglese, anche se non si era italiani, così ci siamo chiamati Internazionale.

Fratelli del Mondo, scrivemmo nell’atto costitutivo.

Abbiamo vinto il primo di diciotto scudetti un anno dopo. Siamo saliti sulla vetta d’Europa e del Mondo.

Chi siamo? Gli stessi, a pensarci bene. Abbiamo una fiducia incredibile in quel passaporto da campioni che ci ha portato nel palmares tanti titoli, solo che molte cose sono cambiate.

Adesso parliamo molte lingue, ci rivolgiamo a decine e decine di milioni di tifosi nel mondo, ma abbiamo conservato quello stemma dipinto a mano, in anni in cui il computer regala grafiche standardizzate.

Adesso che decine di generazioni passate oltre due guerre sono state con noi, nel bene di tante vittorie e in anni in cui non abbiamo vinto, adesso che siamo sopravvissuti a una dittatura che ci mise al bando definendoci l’Ambrosiana, dopo che ci hanno traghettato in una repubblica rinata, in una Milano ricostruita, in un sessantotto che aveva comunque fiducia nel calcio, adesso, nel 2011, diciamo grazie a loro, i Soci fondatori, che ebbero l’intuito di capire cosa saremmo diventati.

Adesso, che diecimila bambini nel mondo vestono la nostra maglia nel nome di Inter Campus, e cerchiamo di restituirgli il sorriso su campi sterrati dove l’abbandono dell’infanzia è la regola, non siamo poi così diversi.

103 anni, oggi. Mai facili, prendiamo posizioni azzardate per il buon senso comune, che forse non è così buono. Siamo onesti, lungimiranti, vivevamo e viviamo una grande avventura. Fare grande l’Inter. Oggi come allora.

Nel mezzo, tantissimi nomi. Giocatori, allenatori, dirigenti, presidenti. I Moratti su tutti, un nome nella leggenda lunga 103 anni. E i tifosi. Tantissimi, un’enormità sparsa ovunque, lo specchio del mondo nel 2011, dialetti diversi, ma anche etnie, religioni, tradizioni differenti unite da una fede unica.
Nera, azzurra al confine della notte. Spruzzata d’oro. Iniziata il 9 marzo 1908, verso l’ora di cena.

Susanna Wermelinger – Direttore Editoriale

Fonte: Inter.it

Categorie:Compleanno, Inter
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: