Home > Palme, Quaresima > L’amore è più forte della morte

L’amore è più forte della morte


 

Gesù dimostrava di essere Figlio di Dio, evitando la morte o morendo per amore? Se avesse voluto, come gl isuggeriva il demonio, avrebbe evitato tranquillamente di morire. Non lo ha fatto, perché? È un grande mistero. Ma certamente salvando se stesso, non avrebbe mostrato il suo amore per la nostra vita, pensando più alla sua che alla nostra. Soffrendo per annunciare l’amore di Dio ci ha fatto toccare con mano, quanto sia grande l’amore di Dio. E ci ha dimostrato come l’amore vince anche la morte. Non ha evitato la morte, ma il suo amore, l’amore di Dio Padre, è più forte della morte. Non abbiamo paura di amare, anche quando sembra inutile… Anche a Gesù è capitato di essere abbandonato dagli amici. Eppure moriva per loro. Non pentiamoci del bene che facciamo. L’amore vince sempre. Vince anche l’odio.

 

 

 

Nella prima Domenica di Quaresima, alla fine del racconto delle tentazioni di Gesù nel deserto abbiamo ascoltato questa precisazione lucana: «Dopo aver esaurito ogni tentazione, i ldiavolo si allontanò da Gesù fino al tempo fissato» (Lc 4,13). Ed eccoci giunti al tempo fissato, l’ora della passione, l’ora in cui Gesù è nuovamente tentato dal demonio ed è sottoposto a una prova terribile e angosciosa: restare fedele al Padre, anche al prezzo di subire una morte violenta di croce, oppure percorrere altre vie, quelle suggerite dal demonio, che portano come promessa sazietà, potere, ricchezza, successo? La passione seconda Luca è davvero l’ora della grande tentazione non solo di Gesù, ma anche dei discepoli, dunque della chiesa…

Proprio durante la cena pasquale, quando Gesù anticipa con dei gesti sul pane e sul vino e con delle parole ciò che gli sarebbe accaduto nelle ore successive, proprio quando svela che la sua è una vita donata, spesa, offerta fino all’effusione del sangue per i discepoli, questi mostrano di entrare in tentazione e di essere sedotti. Innanzitutto uno di loro tradisce l’alleanza della comunità, la nuova alleanza sancita dal sangue di Gesù, consegnandolo nelle mani dei nemici; Luca ricorda poi che, mentre Gesù a tavola serve i suoi stando in mezzo a loro, questi litigano per sapere «chi poteva essere considerato sopra di loro il più grande»; infine Pietro, la roccia, proclama a Gesù una fedeltà che smentirà per tre volte con un rinnegamento. Sì, nell’ora della tentazione i discepoli soccombono alla prova, mentre Gesù lungo tutta la passione si mostra fedele a Dio e ai discepoli…

Nell’ora conclusiva della sua vita terrena riecheggiano da parte degli uomini parole simili a quelle di Satana: «se tu sei il re dei Giudei, se tu sei il Cristo, se hai salvato gli altri… salva te stesso!» Ma Gesù non vuole salvare se stesso; al contrario, vuole compiere fedelmente la volontà di DIo, continuando a comportarsi fino alla morte in obbedienza a Dio, ossia amando e servendo la verità. Questo è causa di morte per lui, ma causa di vita per gli uomini tutti! Quanto anoi che ascoltiamo questo racconto della passione, Luca ci invita a seguire Gesù dal suo essere servo a tavola fino alla sua morte in croce. Guardando a lui, il ccrocifisso che invoca il perdono per i suoi persecutori e si affida a Dio, entreremo nell’autentica contemplazione, come «le folle che, accorse a quella contemplazione-spettacolo, ripensando a quanto era accaduto, se ne tornavano battendosi il petto».

E con il centurione faremo un’autentica confessione di fede: «Veramente quest’uomo era giusto». Sì, Gesù è il Giusto perseguitato, il Figlio di Dio; è colui che il Padre ha richiamato dai morti in risposta alla vita da lui vissuta, segnata da un amore più forte della morte.

Enzo Bianchi

dal foglietto informativo della mia parrocchia, “Canta e Cammina”

Categorie:Palme, Quaresima
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: