Home > Fede, Festa, Santità > I santi: amici e modelli per l’umanità

I santi: amici e modelli per l’umanità


Santificatevi dunque e siate santi, perché io sono il Signore vostro Dio. Osservate le mie leggi e mettetele in pratica. Io sono il Signore che vi vuole fare santi” Levitico, capitolo 20, vv 7-8

 

 

Ore 10.15 di Domenica 27 Aprile 2014, piazza San Pietro, stato Città del Vaticano. In quel momento e in quel luogo è stata scritta un’altra pagina della storia bimillenaria della Chiesa Cattolica: papa Francesco ha proclamato santi i papi Giovanni XIII e Giovanni Paolo II. Con il papa bergamasco e il papa polacco si è arrivati ad 82 papi elevati agli onori degli altari.

Mi permetto di farvi notare come la data scelta sia stata quella della festa della Divina Misericordia voluta da San Giovanni Paolo II.

È stata davvero una grande festa della fede a cui hanno aprtecipato 800.000 fedeli, 122 delegazioni straniere con la presenza di 24 capi di stato e sovrani, 10 capi di governo, 40 tra ministri e viceministri, 8 vice capi di stato.

2259 giornalisti hanno seguito l’evento, diffuso in mondovisione grazie alle immagini realizzate per la prima volta in 3D dal Centro Televisivo Vaticano.

I due nuovi santi sono stati uomini di Dio, uomini di preghiera, conervatori ed insieme innovatori che hanno saputo traghettare la Chiesa nella modernità. Sono stati profeti del dialogo, in particolar modo con i nostri fratelli maggiori di religione ebraica.

Possiamo definirli il papa del Concilio, Giovanni XXIII, e il papa che lo ha applicato Giovanni Paolo II.

Entrambi hanno visitato la diocesi di Concordia-Pordenone, diocesi nella quale si trova la cittadina in cui abito, Concordia Sagittaria. Roncalli, quand’era patriarca di Venezia, l’ha visitata più volte. Ad esempio, il 09 Ottobre 1955 quando partecipò a Portogruaro (VE) al decimo anniversarui du findazione delle ACLI cittadine, celebrando la messa in duomo e presenziando al convegno dei lavoratori presso il colleggio Marconi.

Giovanni Paolo II visitò la diocesi dal 30 Aprile al 3 Maggio 1992.

Brevemente visitò anche Concordia. Pronunciò un discorso il cui testo lo potete trovare qui.

Non avevo nemmeno 7 anni, ma ricordo chiaramente il piazzale davanti alla Cattedrale pieno di gente, e la gioia della gente per quella visita così importante e speciale.

All’incrocio tra via San Pietro e via Claudia potete trovare una statua, dal titolo “Il Vento della Speranza“, scultura in bronzo realizza nel 1009 da Carlo Balljana. L’opera venne commissionata dalla Pro Loco per rinnovare la memoria della sua visita. Il papa è rappresentato con le braccia aperte mentre una folata di vento gli solleva il mantello.

Grazie Signore Gesù per il dono di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II.

Categorie:Fede, Festa, Santità
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: