Home > Oriana Fallaci, Quotes > Sveglia!

Sveglia!


«Il cervello è un muscolo. E come ogni altro muscolo ha bisogno d’esser tenuto in esercizio. A non tenerlo in esercizio impigrisce, si intorpidisce. Si atrofizza come si atrofizzano le mie gambe quando per mesi e mesi sto a questo tavolino, sempre a scrivere, sempre a studiare… E atrofizzandosi diventa meno intelligente, anzi diventa stupido. Diventando stupido perde la facoltà di ragionare, giudicare, e si consegna al pensiero altrui. Si affida alle soluzioni già pronte, alle decisioni già prese, ai pensieri già elaborati confezionati pronti all’uso. Alle ricette che, come le bilance elettroniche o i fornelli a gas o i computer, l’indottrinamento gli somministra attraverso le formule del Politically Correct.

La formula del pacifismo. La formula dell’imperialismo. La formula del pietismo, la formula del buonismo. La formula del razzismo, la formula dell’ecumenismo. La formula anzi la ricetta del conformismo cioè della viltà.

Senza che lui se ne renda conto. Il fatto è che non può rendersene conto. Quelle formule e quelle ricette sono veleni incolori, insapori, indolori: polvere d’arsenico che ingerisce da troppo tempo.

E niente è più indifeso quindi più malleabile e manipolabile d’un cervello atrofizzato, d’un cervello stupido, d’un cervello che non pensa o pensa coi cervelli altrui. Puoi ficcarci tutto, lì dentro. … Non essendo più capace di pensare con la propria testa, nemmeno per accendere il fuoco o per calcolare che due più due fa quattro, quel cervello accetterà ogni bugia o stoltezza senza reagire. La immagazzinerà e la risputerà col medesimo automatismo con cui si gira la manopola del gas o si cerca il prezzo del pollo sulla bilancia elettronica.

Atrofizzato e basta? Dovrei dire lobomizzato. … Chi subisce la lobotomia smette di pensare ciò che potrebeb pensare, diventa docile strumento nelle mani di chi pensa per lui. E se chi pensa per lui è a sua volta lobotomizzato, buonanotte al secchio.

Nel caso degli italiani l’amara realtà include anche genetiche colpe, intendiamoci. E la prima è quelal che ci viene dalla millenaria abitudine d’aver lo straniero in casa. Di considerarlo una normale disgrazia, un infortunio della natura. … E ciò ha sviluppato nei più una perniciosa capacità di sopprotazione quindi di rassegnazione. Con la rassegnazione, un nefando allenamento alla sottomissione quindi al servilismo. …

La seconda colpa, conseguenza della prima, sta nella loro atavica mancanza di fierezza.

La terza colpa, conseguenza della seconda, sta nella loro scarsa tendenza ad associare il coraggio con la libertà. “Il segreto della felicità è la libertà, e il segreto della libertà è il coraggio” diceva Pericle. Ma anche questa è una faccenda che capsicono in pochi, che hanno sempre capito in pochi. Se la capissero in molti, oggi non saremmo una provincia dell’Islam anza l’avamposto di quella provincia. E la libertà non si troverebbe in pericolo, e il paese non vivrebbe nella paura. … Paura di pensare, anzitutto, e pensando approdare a conclusioni che non corrispondono a quelel delel formule imposte attraverso il lavaggio cerebrale anzi la lobotomia. Paura di parlare, inoltre, e parlando esprimere un giudizio diverso dal giudizio espresso e accettato dai più. Paura di non essere abbastanza allineati, ubbidienti, servili, e perciò di venir condannati alal morte civile con cui le democrazie inerti anzi inanimate ricattano il cittadino. Paura d’essere liberi insomma. Di rischiare, d’avere coraggio.

Occhi negli occhi: oggi il coraggio è una merce di lusso, una stravaganza che viene derisa o considerata follia. La viltà è invece un pane che per pochi soldi si vende in ogni bottega. … I più si muovono soltanto se a muoversi non rischiano nulla. O soltanto per seguire le lusinghe e gli equivoci dell’uguaglianza.

Forse Tocqueville si riferiva a noi italiani quando diceva che il matrimonio su cui si basa la democrazia, il matrimonio dell’Uguaglianza e della Libertà, non è un matrimonio riuscito. Che non è riuscito perché gli uomini amano la libertà assai meno dell’uguaglianza, e la amano assai meno perché sfociando nel collettivismo l’uguaglianza toglie agli individui il peso delle responsabilità. Perché non esige i sacrifici che esige la libertà, non richiede il coraggio che richiede la libertà, non ha bisogno della libertà. (Si può essere uguali anche nella schiavitù).Forse si riferiva a noi anche quando rammentava che col termine Uguaglianza la democrazia intende l’uguaglianza giuridica ossia l’uguaglianza espressa dal motto “La legge è Uguale per Tutti”: non l’uguaglianza mentale e morale. L’uguaglianza di valore e di intelligenza e di onestà.

Lo stesso, quando rammentava che in democrazia i voti si contano ma non si pesano. Sicché la quantità finisce col valere più delal qualità, e i non-intelligenti finiscono sempre col comandare. Comandando, col rovinare l’unico sistema di governo possibile cioè la democrazia.

Nonostante le sue pecche, le sue colpe, le sue ingiustizie, i sui vizi di base, infatti, la democrazia non ha alternative. Se muore quella, la libertà va a farsi friggere».

Oriana Fallaci, “La Forza della Ragione”

Categorie:Oriana Fallaci, Quotes
  1. Paolo Merolla
    marzo 19, 2014 alle 18:09

    Mamma come scrive, io ho ritrovato solo un paio di libri, e un terzo a cui tenevo l’ho comprato invece usato ad un mercatino (fortunato!).
    Grazie!

  2. marzo 20, 2014 alle 17:42

    Già un modo di scrivere eccezionale ed irripetibile!

  3. marzo 21, 2014 alle 08:12

    avevo risposto ieri… non c’è niente?:/
    In ogni modo ora sto leggendo “Intervista con la Storia” (!)

  4. marzo 21, 2014 alle 19:31

    pazzesche….

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: