Home > Plinio Corrêa de Oliveira > Riflessioni sulla morte di Luigi XVI

Riflessioni sulla morte di Luigi XVI


di Plinio Corrêa de Oliveira

Su richiesta della TFP francese, in occasione del bicentenario della decapitazione del Re Luigi XVI (21 gennaio 1793), Plinio Correa de Oliveira scrisse una meditazione, della quale trascriviamo qualche brano. Essa indica, oltre ai fatti storici, lo stato d’animo con cui dobbiamo considerare l’episodio, e il suo significato in una corretta teologia della storia. Come parte dell’Accademia estiva 2010, abbiamo percorso i vari luoghi legati a questo tragico evento: dal posto dove sorgeva il palazzo delle Tuileries, dove il Re era sorvegliato a vista dopo il suo rapimento da Versailles, alla Convenzione, dove si era imprudentemente rifugiato, alla Conciergerie, dove è stato imprigionato e, finalmente, a Place de la Concorde dove è stato giustiziato.

 *********

Invocazione

O Maria, tenendo conto di tutto ciò che questo povero Re ha dovuto patire come conseguenza della sua mollezza nell’affrontare la Rivoluzione francese, Vi chiediamo la grazia di non essere mai condiscendenti di fronte alla Rivoluzione, la grazia di non perdere mai un’occasione di combatterla, e di farlo senza tregua. Ottenete per noi la grazia di poter impiegare tutti i mezzi legittimi necessari per arrestare l’assalto della Rivoluzione, per annientarla se possibile, e per far vincere in tutto la Santa Chiesa e la Civiltà cristiana. Ve lo chiediamo affinché, in questo modo, possiate vincere Voi, o Maria Regina del Cielo e della Terra, e con Voi il vostro Divin Figliolo.

O Maria, venga a noi il vostro Regno perché possa venire il Regno di Cristo. Fate sì che, quanto prima, si adempiano gli eventi da Voi previsti a Fatima, affinché questo regno della Rivoluzione satanica e ugualitaria, della quale l’esecuzione di Luigi XVI è stata un episodio archetipico, possa cessare al più presto possibile, e possa essere instaurato sulla terra il vostro Regno.

Questo Regno non sarà né dei pigri né dei cedevoli, di quelli cioè che si sono lasciati sopraffare dalla Rivoluzione, bensì il Regno degli eroi che hanno lottato come giganti, pur sapendo bene che, se vittoria c’è stata, è solo perché Voi e i vostri angeli siete intervenuti in loro favore. Saranno eroi perché la grazia e le virtù cristiane — particolarmente la purezza, la fortezza e l’umiltà — brilleranno sui loro capi come un’aureola. Saranno eroi perché avranno saputo essere terribili in battaglia, ma umili e modesti nella vittoria.

Le mani legati, come Nostro Signore

Gli assistenti del boia Samson si avvicinarono a Luigi XVI per legargli le mani per l’esecuzione.

Legarmi le mani? Mai! — rispose sdegnato il monarca, respingendo con forza i carnefici — Mai acconsentirò a un tale oltraggio!

Il sacerdote che lo accudiva, l’irlandese P. Edgeworth de Firmont, gli sussurrò all’orecchio: “Sire, in questo supremo oltraggio io non vedo altro che un ulteriore tratto di somiglianza fra Voi e Nostro Signore Gesù Cristo, che sarà la vostra ricompensa”.

Queste parole sublimi del sacerdote riscaldarono la pietà di re Luigi XVI. Presentandosi al boia che poco prima aveva respinto con violenza, egli sporse le mani e disse pieno di dignità: “Fate ciò che volete!”. Gli sbirri di Sanson, degni figli della Rivoluzione, legarono le mani del Re. E fu così che, con l’esplicita intenzione di assomigliare a Nostro Signore, le cui divine mani furono legate durante la Passione, Luigi XVI salì i gradini del patibolo con passo fermo, e andò deciso verso la ghigliottina.

Per continuare a leggere clicca qui.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: