Home > BastaBugie, Chiesa > Nella Chiesa sono tutti benvenuti, ma non senza regole!

Nella Chiesa sono tutti benvenuti, ma non senza regole!


Il cardinale di New York ci ricorda che accogliere tutti gli uomini con rispetto non significa fare sconti sulla verità

di Timothy Dolan

C’è una lezione che ho cominciato a imparare quando avevo sette o otto anni…

Il mio amico Freddie, che abitava di fronte a casa, ed io stavamo giocando fuori.

Mamma mi ha chiamato per la cena. Le ho chiesto: “Può rimanere anche Freddie e stare a cena con noi?” “È certamente il benvenuto, se va bene a sua mamma e papà”, rispose lei.

“Grazie, signora Dolan,” rispose Freddie. “Sono sicuro che va bene, perché mamma e papà sono fuori, e la babysitter aveva intenzione di farmi un panino quando sarei rientrato”.

Ero così orgoglioso e felice. Freddie era il benvenuto a casa nostra, alla nostra tavola. Tutti e due siamo corsi dentro e ci siamo seduti. “Freddie, sono contento che tu sia qui”, ha osservato papà, “ma…. Sembra sia meglio che tu e Tim andiate a lavarvi le mani prima di mangiare”. Piuttosto semplice…senso comune… papà stava dicendo: ora sei un membro benvenuto e rispettato della nostra tavola, della nostra famiglia, ma ci sono alcune aspettative molto naturali che questa famiglia ha, come lavarsi le mani! …

Così è dentro la famiglia soprannaturale che chiamiamo la Chiesa: tutti sono i benvenuti!

Ma, benvenuto a che cosa? Ad una comunità che ti amerà e rispetterà, ma che ha delle esigenze piuttosto chiare che la regolano, rivelate da Dio nella Bibbia, per mezzo del suo Figlio Gesù, instillate nel cuore dell’uomo, e insegnate dalla Sua Chiesa. La Chiesa è cattolica…questo significa che tutti sono i benvenuti; la Chiesa è una…ciò significa che abbiamo una Persona – Gesù – e il suo insegnamento morale che ci uniscono; la Chiesa è apostolica…questo significa che l’insegnamento di Gesù è stato affidato ai suoi Apostoli, e con diligenza tramandato dalla sua Chiesa. Il sacro dovere della Chiesa è quello di invitare le persone, stimolare queste persone, a vivere il messaggio e gli insegnamenti di Gesù. Questo equilibrio può causare qualche tensione. Freddie e io eravamo amati e accolti alla mensa di famiglia, ma era chiara la richiesta: niente mani sporche!

Il beato Giovanni Paolo II diceva che il modo migliore di amare qualcuno è dirgli la verità: insegnare la verità con amore. Gesù ha fatto questo – Lui era l’amore e la verità in persona – e così fa anche la sua Chiesa. Noi amiamo e rispettiamo tutti quanti…ma questo non significa necessariamente che amiamo e rispettiamo le loro azioni.

“Chi” è una persona? Noi amiamo e rispettiamo lui o lei. . .

“Che cosa” una persona fa? La verità può richiedere che diciamo a questa persona che amiamo che certe azioni non sono in sintonia con ciò che Dio ha rivelato.

Non possiamo mai giudicare una persona…ma, possiamo giudicare le azioni di una persona.

Per continuare a leggere clicca qui.

Categorie:BastaBugie, Chiesa
  1. settembre 25, 2013 alle 13:11

    Questo finisce sul mio blog!

  2. settembre 26, 2013 alle 07:49

    Grazie mille per la condivisione. Parole sante quelle del mitico cardinale Dolan!

  3. dario
    ottobre 8, 2013 alle 17:21

    Salve, ho letto altrove questo articolo e così anche delle osservazioni fatte da un lettore che ritengo molto fondate e interessanti e che quindi rigiro a lei (purtroppo in quel blog non ha ottenuto risposte).
    L’articolo, bello, dice che la Chiesa giudica le azioni e non gli uomini (nel senso che se si comportano rettamente sono tutti ben accetti nella casa del Signore).
    Sono d’accordo ed è giusto che sia così.
    Ritengo però che ci sia un’eccezione molto importante: i gay.
    Essi non sono ben accetti nella Chiesa e le spiego il perché.
    Un gay cattolico, che non pratica sesso e che anzi condanna i rapporti omosessuali, e che al limite (tra l’altro è ben possibile!) desidererebbe diventare eterosessuale (senza riuscirci) non può diventare prete come tutti gli altri uomini. Perchè?
    Eppure egli si comporta rettamente, le sue azioni sono conformi a quelle richieste dalla comunità cattolica eppure….egli è giudicato per quello che “è” e non per quello che “fa”.
    In pratica egli non compie peccato ma per la Chiesa è un peccatore.
    Premetto che sono ateo e quindi sono ben lieto di ascoltare le sue argomentazioni e cioè delle spiegazioni in proposito provenienti da chi può darmi una “intepretazione autentica”.
    Saluti, dario.

    • ottobre 10, 2013 alle 19:27

      Rispondo con un unico commento a tutti è tre i suoi commenti. Inizio col dirle che alla domanda “perché un gay non può fare il prete” non ho una risposta. Il commento che avevo lasciato al post del blog “the Candelabra of Italy” che riprende quest’articolo si riferiva all’omosessualità in generale. Per cercare di iniziare a dare una parziale risposta le consiglio di dare un occhiata a questo link http://www.lanuovabq.it/it/articoli-nella-chiesa–in-atto-un-golpe-omosessualista-5590.htm

      Per quanto riguarda la pubblicazione o meno dei commenti io non ho alcun potere di decidere nulla nel blog “The Candelabra of Italy” (se è a questo blog che si riferisce). Certo è che non si tratta di censurare opinioni diverse da quelle del proprietario si tratta solo di bloccare una conversazione quando essa non va da nessuna parte oppure di bloccare individui che commentano solo per insultare l’autore.

      Le dico fin da subito lei nel mio blog sarà sempre benvenuto fin tanto che dimostrerà buona educazione come fatto in quest’occasione.😀

      Francesca

  4. dario
    ottobre 9, 2013 alle 17:28

    Cara Francesca Padovese, come mai ha cancellato il mio post? Forse perché la censura arriva laddove non riescono ad arrivare le argomentazioni?
    Davvero un applauso, continuando così non credo proprio che lei faccia un servigio alla sua causa. Sono le posizioni aprioristiche come le vostre (tali perché non sorrette da valide argomentazioni e che quindi non ammettono confronto) a fortificare le posizioni laiciste più estreme (e non laiche come le mie!). Complimenti.

  5. dario
    ottobre 9, 2013 alle 17:29

    Ora è ricomparso il mio post…non so se ho errato io o lei.
    Saluti.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: