Home > Croce, Gesù Cristo > Le 7 frasi di Gesù sulla Croce

Le 7 frasi di Gesù sulla Croce


1) “Quando giunsero al luogo detto Cranio, là crocifissero Lui e i due malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra. Gesù diceva: «Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno»”. Luca, capitolo 23, v. 34. Potere del perdono. Così come Dio perdona noi, così anche noi dobbiamo perdonare i nostri fratelli (cfr. il Padre Nostro).

2) “«Gesù, ricordati di me quando entrerai nel Tuo Regno». Gli rispose: «Inverità ti dico, oggi sarai con me nel Paradiso»”. Luca, capitolo 23, v 42. Abbiamo un ruolo nella creazione del Paradiso? Oppure è un compito solo di Dio? La verità è nel mezzo. Vedi l’enciclica “Gaudium et Spes”. Pensando al Paradiso dobbiamo occuparci di ciò che accade in questo mondo. Paradiso è stare con Gesù l’Emmanuele, il Dio con noi.

3) “Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che Egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!» E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa”. Giovanni, capitolo 19, vv 26 – 27. Dio ha una madre. Gesù e Maria sono insieme dall’inizio fino alla Croce (Ascensione e Assunzione). La relazione tra la madre e il proprio figlio è minacciata dalal cultura della morte. Abbiamo due persone non una persona sola. Si pensa che ci sia una competizione di diritti. Si pensa che la donna debba scegliere tra sé e il bambino che viene visto come una minaccia da eliminare. Nota libro dell’Apocalisse capitolo 12. Non possiamo avere la pace tra le nazioni se non c’è pace tra le madri e i loro figli. Maria come co – redentrice. Ha permesso l’inizio di una nuova umanità.

4) “Alle tre Gesù gridò con voce forte: «Eloì,eloì, lemà sabactàni?» che significa: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?»” Marco, capitolo 15, v. 34 Gesù soffre con noi anche la mancanza di Dio. Qui Gesù vive la sua volontaria partecipazione agli effetti che subiamo quando ci allontaniamo da Dio. Nota Salmo 22. Libro delle Lamentazioni. Dio è coni sempre!

5) “Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni coa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura: «Ho sete»”. Giovanni, apitolo 19, v 28. Episodio della Samaritana al pozzo. L’acqua ch dà vita ha sete. Il Creatore della  vita muore. Beatitudini. Gesù condivide la nostra sete, ovvero le nostre privazioni, le nostre sofferenze fisiche e la nostra sete (ricerca) di giustizia. Con il bastone, simbolo della Croce, Mosè ha fatto scaturire l’acqua dalla roccia.

6) “E dopo aver ricevuto l’aceto, Gesù disse: «Tutto è compiuto». E chinato il capo spirò”. Giovanni, capitolo 19, v. 30. Dio ci ha dato il potere di una Parola che trasforma (cfr Ezechiele capitolo 37). La vittoria è già nostra. Dio ci chiama alla santità ORA. Non dobbiamo avere paura di fare la cosa giusta anche se è difficile.

7) “Gesù gridando a gran voce, disse: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Detto questo spirò. Luca, capitolo 23, v. 46. Siamo tutti “sotto Dio” perché veniamo da Lui. A Lui apparteniamo e a Lui torneremo. Proprio perché vengo da Dio trovo il significato della mia vita e della mia libertà, libertà nella quale trovo il coraggio di offrirmi per gli altri per amore.

Categorie:Croce, Gesù Cristo
  1. Paolo Merolla
    settembre 11, 2013 alle 09:45

    Grazie. Che Dio ti benedica. Dimenticavo anche dello spaventevole supplizio di Gesù sulla Croce quest’anno.. :/ per ciascuno di noi.

    Il culto della Croce è stato tanto importante per me: inginocchiarsi ai piedi di essa. Le bellissime Chiese e Santuari che frequentavo erano tutto. Lì lo facevo, a lungo, perché è bellissimo parlare con Gesù, voi lo fate :)) io adesso raramente.

    In casa ho una Croce troppo piccola.

    Qualcosa è cambiato… non nella Fede e nella meraviglia della preghiera e dell’Esaltazione del massimo simbolo (o forse è meglio dire strumento, non sono un granché in esegesi) della nostra Redenzione! La mia parrocchia, e quelle vicine, mancano di quella Bellezza, confusione di benestanti che nei miei odiosi peccati sono convinto siano in maggioranza persone che legalmente ingannano i poveri. Naturalmente sapendo di poche ma belle eccezioni.

    Okay. Per Sabato auguro a tutti una santa Giornata, e lacrime non oscure ma di luce, anche perché saremo insieme, io credo sia il massimo sapere che come Lui ci dice preghiamo insieme, anche se non l’avessse detto – a dire il vero – è con l’inginocchiarsi insieme che comprendo! Un giorno di conversione più importante di ogni altro. Non sono enumerabili i motivi di Lode, così da essere degni delle Promesse di Nostro Signore: dell’antica santa pratica della meditazione sulle Sette Frasi di Gesù sulla Croce non trovo ciò che avevo (roba scritta), lo so che non è importante, però adesso sono quissù.

  2. settembre 13, 2013 alle 19:12

    Ogni volta che guardo il Crocifisso mi vergogno pensando a quanto Dio abbia sofferto per me, e a quanto io non riesca a corrispondere in modo adeguato questo Suo amore. Dovremmo imparare, io per prima, a stare di più in compagnia di Gesù crocifisso.

    Grazie per questo tuo bel commento!

  3. Paolo Merolla
    settembre 14, 2013 alle 10:16

    Prego!
    [Grazie per il tuo!!]

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: