Home > Libertà, Manifestazione > Il nostro amore è più forte della loro invidia e del loro odio

Il nostro amore è più forte della loro invidia e del loro odio


L’11 Maggio scorso, a Brescia, si è tenuta una manifestazione del Popolo della Libertà in sostegno al sindaco uscente Adriano Paroli, nella sua corsa alla rielezione, visto che il 26-27 Maggio ci saranno le elezioni comunali.

Questa manifestazione, a cui hanno partecipato ministri e viceministri pidiellini del governo Letta come Angelino Alfano, oltre che il presidente Berlusconi, aveva anche lo scopo di sostenere il presidente che è sotto l’ennesimo attacco da parte della magistratura politicizzata e militante che ha la sua base operativa al tribunale di Milano. Magistratura che sotto la guida della faziosa Boccassini vuole eliminare dalla scena politica Berlusconi attraverso il loro operato.

La sinistra ha attaccato pesantemente soprattutto Alfano sostenendo che lui, come ministro e vicepresidente del consiglio, non avrebbe dovuto partecipare a questa manifestazione che, sempre secondo loro, attaccava pesantemente la magistratura. Questa polemica è stata al quanto stupida e faziosa visto che Alfano è anche segretario nazionale del partito, e che egli nel suo discorso ha separato chiaramente il piano della stabilità dell’esecutivo da quello della dialettica politica, chiarendo con forza che il PdL appoggerrà il governo Letta con lealtà.

Che esista una parte della magistratura politicizzata che sta tentando in tutti i modi di estromettere Silvio Berlusconi dalla vita politica italiana è un ato di fatto, e chi continua a negarlo dovrebbe togliersi le fette di prosciutto dagli occhi e pulirsi bene le orecchie.

Che esista qualcuno che attacchi chi critica la magistratura e il suo operato, spesso negativo e scadente, è davvero vergognoso poiché io, come cittadina di questo stato, ho il diritto di criticare la magistratura se lo ritengo opportuno.

Che ci sia in Italia un’anomalia giudiziaria e un bisogno forte di una riforma della giustizia che introduca la responsabilità civile dei magistrati per cui chi sbaglia paga, è un dato di fatto che trova d’accordo moltissimi cittadini di destra, sinistra e centro.

Per fortuna che il presidente Berlusconi, come si può leggere dal testo del suo discorso, non ha nessuna intenzione, e il suo popolo con lui.

Questa manifestazione pacifica e gioisa si è scontrata con le becere ed insulse contestazioni portate dagli appartenenti ai centri sociali, Movimento 5 Stelle (ma non doveva essere un movimento non ideologico né di destra né di sinistra?) e Sinistra Ecologia e Libertà che hanno anche attaccato fisicamente, non solo verbalmente, i simpatizzanti/iscritti al nostro partito.

Nonostante le violenze e le intimidazioni, essi non ci zittiranno né ci fermeranno perché la posta in palio è troppo alta e noi non possiamo fermarci ora!

CONDANNATO A MORTE

LETTERA APERTA ALLA BOCASSINI: CHE DIO LA PERDONI PER IL MALE CHE STA FACENDO

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: