Home > BastaBugie > L’equidistanza per il cattolico non ha senso: va riscoperto lo spirito della militanza

L’equidistanza per il cattolico non ha senso: va riscoperto lo spirito della militanza


Gli equidistanti aborrono lo spirito di sacrificio, soprattutto quando si manifesta nella lotta: scegliendo di non combattere sono rassegnati alla sconfitta (oggi ritengono inevitabile la vittoria dell’Islam come ieri ritenevano quella del comunismo)
di Roberto de Mattei

Sul precedente numero di Radici Cristiane abbiamo parlato del vizio del “moderatismo” e del “centrismo”, che si esprime nella formula politica del “terzo partito”. Ciò che vale nella politica interna, si applica anche a quella internazionale. Ma mentre in politica interna i “centristi” si alimentano alla tradizione democristiana, in politica estera, i rappresentanti della “terza forza” provengono spesso dalle ali estreme dello schieramento.

Una delle note che rendono riconoscibile questa famiglia psicologica è l'”equidistanza”, uno slogan che pretende di applicare rigide leggi geometriche alla complessa e organica realtà della società umana. I fautori della “terza forza” sostengono, ad esempio, una posizione di equidistanza tra l’Islam e l’Occidente, anche se, per chi in Occidente è nato e vive, una posizione di questo genere significa, di fatto, la scelta del campo avverso.

La tesi dell’equidistanza misconosce inoltre il carattere processuale degli errori ideologici che, nel corso degli ultimi secoli, hanno assunto il carattere di una vera e propria Rivoluzione anticristiana. Esiste un rapporto genealogico tra il protestantesimo, il liberalismo e il socialismo: ognuno di questi errori è matrice dell’altro. Ma non avrebbe senso una posizione di equidistanza del cattolico verso di essi.

Nel XVI secolo il nemico mortale della Chiesa era l’eresia di Lutero, contro di cui combatterono santi e controversisti. Nel XVIII secolo gli eredi della Contro-Riforma cattolica affrontarono con il medesimo vigore, come nemico primario, la Rivoluzione francese, e perciò furono detti contro-rivoluzionari. Nell’Ottocento essi lottarono soprattutto contro il liberalismo e il socialismo e nel Novecento contro il comunismo e il nazionalsocialismo.

I nemici cambiano, mentre sola resta immutabile la verità del Vangelo, che il calore della lotta aiuta a definire con sempre maggiore chiarezza. Il problema di fondo, però, è quello di comprendere la natura del nemico che ci attacca, e l’equidistanza non ci aiuta a capirlo.

All’epoca della Guerra fredda, ad esempio, la posizione di equidistanza tra gli Stati Uniti e la Russia faceva solo gli interessi del Cremlino. Il nemico da battere era l’imperialismo sovietico e Pio XII spiegò spesso la natura della necessaria alleanza tra la Chiesa e le democrazie occidentali.

Per continuare a leggere clicca qui.

Categorie:BastaBugie
  1. novembre 17, 2012 alle 13:33

    assolutamente.

    • novembre 17, 2012 alle 14:36

      Ciao. A questo punto della storia del mondo dobbiamo schierarci.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: