Home > Cellulse Staminali, Fondazione TES, Ricerca etica > Ricerca scientifica etica? Si può!

Ricerca scientifica etica? Si può!


Periodicamente riemerge nel dibattito scientifico la questione “cellule staminali”. Questione al quanto complesso e molto importante. Questione che vede schierati, da una parte i promotori del ricerca sulle cellule staminali embrionali, e, dall’altra, i promotori della ricerca sulle cellule staminali adulte.

Prima di continuare con il mio discorso, permettetemi di fare un po’ di chiarezza sulla terminologia.

Con il termine “cellule staminali” si identificano i precursori di tutte le cellule che compongono gli organi e i tessuti di un individuo. Entrano in gioco durante lo sviluppo e l’accrescimento e poi nella formazione delle cellule di sostituzione nell’età adulta. Caratteristiche principali di questo tipo di cellule sono: l’assenza di un’attività specifica, la capacità di riprodursi molte volte, e la capacità di specializzarsi in cellule con funzioni specifiche se opportunamente stimolate.

Le cellule staminali si possono dividere in 3 grossi gruppi: 1) cellule staminali embrionali; 2) cellule staminali cordonali e 3) cellule staminali adulte. Le staminali embrionali sono le cellule, ad altissima capacità di proliferazione, che costituiscono l’embrione nelle primissime fasi dello sviluppo, prima dell’impianto nell’utero. La loro estrazione richiede la soppressione dell’embrione, operazione che per molti è considerata come aborto. Per tale motivo, l’utilizzo delle cellule staminali embrionali solleva fortissimi dubbi di carattere etico ed è vietato in Italia. Le staminali cordonali provengono dal sangue del cordone ombelicale. La raccolta di questo sangue al momento del parto è una pratica semplice ed indolore. In origine, a causa del basso numero di cellule staminali osservato per campione, l’uso di questo tipo di cellule è stato limitato alla terapia in campo ematologico su pazienti di piccola età o soggetti comunque di peso inferiore a 40kg. Successivi studi hanno provato la loro efficacia anche su soggetti adulti. rivoluzionando così le prospettive del loro utilizzo. Le cellule staminali adulte sono presenti nel sangue, nel midollo osseo ed in numerosi tessuti dell’organismo adulto dove provvedono al loro mantenimento fisiologico e alla loro eventuale riparazione in caso di danno. Attualmente la ricerca medica è incentrata sul loro uso terapeutico e in particolare sull’applicazione a scopo di trapiantodelle cellule staminali adulte autologhe (ovvero derivate dallo stesso paziente ricevente), per facilitare l’attecchimento dell’impianto ed evitarne il rigetto.

Dalla loro descrizione, potete ben capire perché il dibattito sull’utilizzo di queste cellule è acceso ed arriva ad assumere anche una dimensione etica piuttosto rilevante.

È possibile coniugare la ricerca medica sulle cellule staminali con l’etica e ottenere dei risultati concreti: è il caso della Fondazione TES Onlus. TES è l’acronimo che sta per Tissue Enginnering and Signaling ovvero Ingegneria della Rigenerazione dei Tessuti.

Mi fa particolarmente piacere parlarvi di questa fondazione perché è un tesoro per l’Italia che nasce ed opera nella mia regione, il Veneto.

La Fondazione TES promuove la ricerca nel campo della biologia e della medicina rigenerativa, basata sulle cellule staminali adulte, tratte principalmente dal sangue di donatori volontari. Nasce nel 2006 per trasformazione della società Mutua Cooperazione a r.l. “Giuseppe Toniolo”. 101 persone, già soci della “Cooperativa G. Toniolo”, decidono unanimi di conferire le loro quote di capitale sociale e il patrimonio della Cooperativa (110.000€) al nuovo soggetto giuridico, mutuando radicalmente la “filosofia” del loro stare insieme: da quella di ottenere attraverso la cooperativa benefici per sé, a qla di donare, attraverso la nuova fondazione, la possibilità ad altre persone ammalate di avere con la ricerca prospettive di vita.

TES ha scelto come principale partner Avis Veneto: così si vuol coniugare la ricerca scientifica con solidarietà e volontariato.

Scopi della Fondazione TES sono:

  • promuovere la ricerca mediante tecniche, percorsi e metodologie compatibili con una visione etica della scienza puntata sull’unicità e centralità della persona umana;
  • promuovere e gestire servizi e iniziative nel campo ecologico e ambientale per l’affermazione di una equilibrata ecologia umana;
  • promuovere e gestire servizi e attività sociali attinenti l’ambito assistenziale, socio sanitario, culturale, ricreativo, sportivo, formativo ed educativo rivolto in particolare alle persone svantaggiate;
  • costituiscono inoltre attività connesse a quelle sopra elencate: curare e produrre pubblicazioni, riviste, notiziari di carattere scientifico che rientrano nelle aree di interesse istituzionale; fornire consulenze di esperti; promuovere iniziative di formazione e di aggiornamento a mezzo di seminari, laboratori, convegni, corsi; produrre sussidi educativi.

Se volete sostenere la Fondazione TES potete farlo attraverso bonifico bancario idirizzato alla Banca Antonveneta Agenzia di Selvazzano Dentro (PD) – IBAN: IT29W05040 62890 000001445726; attraverso una donazione online fatta tramite il sito http://www.fondazionetes.it, oppure attraverso il 5*1000, indicando sulal dichiarazione dei reditti il Codice Fiscale 02164260289.

Sostieni anche tu la Fondazione TES!

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: