Home > Aborto, Pro Life > Orgogliosamente pro life!

Orgogliosamente pro life!


Orgogliosi di essere pro life senza compromessi senza eccezioni!

In ordine da sinsitra e destra:

  • La Santissima Trinità, Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirto Santo;
  • Nostra Madre, la Beata Vergina Maria;
  • L’Arcangelo San Michele;
  • Padre Frank Pavone, direttore nazionale della meravigliosa associazione americana pro life “Priest for Life“;
  • Jérôme Jean Louis Marie Lejeune, pediatra e genetista francese, cattolico, pro life, che ha identificato l’anormalità cromosomica causa della sindrome di Down o Trisomia 21;
  • Edward Obeng-Kwakye filantropo ganese, oratore e lavoratoe sociale, fondatore dell’OBENG-KWAKYE Foundation;
  • Mario Palmaro  laureato in Giurisprudenza, filosofo del diritto, è docente presso la Facoltà di Bioetica dell’Università Pontificia Regina Apostolorum di Roma e presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Europea di Roma. È presidente nazionale del Comitato Verità e Vita. Giornalista pubblicista, è una delle firme della rivista il Timone ed è editorialista de il Giornale e de il Cittadino di Monza. Dai microfoni di Radio Maria conduce da anni la rubrica “Incontri con la Bioetica”;
  • Rebecca Kiessling. Questo è quello che ha scritto di sé stessa sulle informazioni del suo profilo Facebook: “Concepita dopo uno strupo,  placed for adoption, then learned the truth at 18. I was nearly aborted at two back-alley abortionists. Have since litigated numerous high-profile cases protecting preborn human life and speak anywhere from 50 to 75 times/year around the U.S. and around the world”;
  • Abby Johnson precedentemente direttrice di una clinca della Planned Parenthood, ora una potente voce in difesa della vita e delle donen in crisi. Se volete saperne di più potete legegre il suo libro “unPlanned“;
  • Francesco Agnoli presidente aggiunto on. Corte di Cassazione, già componente del Consiglio  Superiore della Magistratura, Presidente della Unione Giuristi Cattolici Italiani di Ravenna, dove abita da molti anni senza mai  perdere  i contatti con la sua città natale, dove ha concluso la carriera giudiziaria come presidente di sesione presso la locale Corte d’appello. Oltre che di opere giuridiche, si occupa da tempo di storia con particolare riguardo all’età dell’Insorgenza (1796-1815) e al processo risorgimentale con specifica attenzione al punto di vista dei vinti. Contribuisce alla rivista “Il Timone”;
  • Bernard Nathanson medico americano campione dell’aborto (si era vantato di essere stato responsabile, diretto o indiretto, di 75mila aborti), membro fondatore della National Association for the Repeal of Abortion Laws (“Associazione Nazionale per l’Abrogazione delle Leggi sull’Aborto”, oggi NARAL Pro-Choice America) e direttore del Center for Reproductive and Sexual Health (“Centro per la Salute Riproduttiva e Sessuale”), la più grande clinica di aborti di New York. Protagonista in seguito di una clamorosa, famosa conversione che lo ha portato sul versante opposto, alla cultura della vita e al cattolicesimo;
  • Giuseppe Garrone presidente dell’associazione Federvita Piemonte;
  • Norma McCorvey la donna statunitense che portò la Corte Suprema a legalizzare l’aborto con l’infame sentenza “Roe v. Wade”. Nel 1995 visse una doppia conversione: religiosa, decidendo di entrare nella Chiesa Cattolica, e  la covnersione che la portò  a diventare un membro del movimento pro life americano;
  • il pastore Walter Hoye fondatore e presidente della fondazione Issues4life Foundation che ha come compito primario sconfiggere l’aborto negli Stati Uniti d’America, concentrandosi soprattuo sulle conseguenze nefaste che esso ha sulla popolazione afroamericana;
  • Irene Van der Wende straordinaria attivista pro life. Ha abortito il figlio concepito dopo uno stupro. In seguito ha scoperto che lei stessa è stata concepita dopo uno sturpo e lasciata in vita. Educa, assiste ed aiuta le donen che hanno abortito;
  • Blessed Mother Teresa of Calcutta straordinaria missionaria cattolica che ha salvato moltissimi bambini che dovevano ancora nascere in quel di Calcutta;
  • Alveda King, nipote di Martin Luther Kiung jr.,  lavora nel programma di avvicinamento per gli afro-americani dell’associazione Priests for Life. È la voce della campagna “”Silent No More Awareness”, condividendo la sua testimonianza di due aborti, del perdono di Dio e del suo potere di guarigione;
  • Lila Rose giovane attivista pro life, fondatrice dell’associazione Live Action.
Categorie:Aborto, Pro Life
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: