Home > Mons. Pierluigi Mascherin, Risurrezione > Io credo risorgerò

Io credo risorgerò


Le vie del Signore non sono le nostre vie, i suoi piani non sono i nostri.

Questo mi è stato dimostrato Venerdì scorso quando all’improvviso, è arrivata la notizia della morte del nostro parrocco, monsignor Pierluigi Mascherin. Si stava preparando per andare a Caorle quando il cuore l’ha tradito.

Ieri sono stati celebrati i funerali nella chiesa cattedrale di Concordia Sagittaria, dedicata a Santo Stefano protomartire, a cui hanno partecipato centinaia e centinaia di persone nonché il vescovo Ovidio Poletto e moltissimi sacerdoti della diocesi.

Chiusa la camera ardente, che era stata allestita in Sala Rufino Turranio, la salma ha raggiunto la chiesa dopo aver percorso il giro della piazza, accompagnata dal canto «Madonnina del Mare», canto che egli tanto amava.

La cerimonia è stata davvero molto toccante e si è conclusa con la lettura da parte di una nipote di una commovente lettera che lo ha tratteggiato perfettamente come un pastore che si è consumato nel servizio al prossimo e a Dio.

Un pastore, laureato in psicologia, capace di ascoltare tutti e disponibile ad aiutare e consigliare tutte le persone che si rivolgevano a lui.

Di lui ammiravo il suo essere profondamente cristiano, la capacità che aveva di farmi riflettere con le sue bellissime omelie.

Monsignor Mascherin nasce ad Azzano Decimo 64 anni fa. Diventò sacerdote nel 1971 e dal 2004 si trovava a Concordia, dopo aver trascorso 18 anni ad Aviano ed essere stato vicario a Fossalta. Ha svolto 40 anni di sacerdozio.

I familiari hanno consentito l’espianto delle cornee, ultimo gesto d’amore verso gli altri.

Affido la sua anima alla mamma celeste Maria e a suo figlio Gesù e chiedo loro di consolare i parenti e gli amici tutti in questo momento di profondo dolore.

Requiem aeternam dona eis, Domine, et lux perpetua luceat eis. Requiéscant in pace.
Amen

  1. marzo 23, 2011 alle 23:41

    Doveva essere un grande uomo, un vero cristiano.
    Dio lo accoglierà a braccia aperte.
    Cordialità.

    • marzo 24, 2011 alle 10:17

      Sì lo era davvero e sono felice che lo si possa capire da queste mie poche parole.
      Adesso la Diocesi di Concordia – Pordenone ha due protettori ed intercessori in più: il vescovo monsignor Luigi Padovese e il monsignor Pierluigi Mascherin.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: